Italia  Buddhista  è  un  luogo  di  dialogo  tra  i  religiosi  buddhisti  e  il  pubblico,  che  si sviluppa  per  via  telematica  e attraverso  incontri  appositamente organizzati. 

Saluto al nuovo Consiglio direttivo Ubi 2019

Al Consiglio direttivo entrante

Nel confermare la propria disponibilità ad una reciproca collaborazione, I monaci e i religiosi del gruppo di “Italia Buddhista”, si congratulano con i Consiglieri eletti e il nuovo Presidente, augurando il più meritato successo ai loro lavori, certi che questi sapranno portare beneficio all’U.B.I e a tutti gli esseri.
Metta e Karuna, Mudita e Upekkha sono con voi. Siano con voi. Restino con voi.
Italia Buddhista

————————————————————————————————————————————

QUESTA CHE SEGUE LA COMUNICAZIONE DELL’UBI A TUTTI I CENTRI:

COMUNICATO STAMPA
Eletto il nuovo Consiglio Direttivo dell’Unione Buddhista Italiana per il triennio 2019-2021

Roma, 15 aprile 2019 – L’Unione Buddhista italiana (U.B.I.) ha eletto il nuovo Consiglio Direttivo per il triennio 2019-2021. I nuovi consiglieri sono: Filippo Scianna (della tradizione buddhista Vajrayana-tibetana), che è stato eletto anche Presidente, Stefano Bettera (Theravada), Carlo Tetsugen Serra (Soto Zen), Elena Seishin Viviani (Soto Zen), Giovanna Giorgetti (Vajrayana-tibetana), Rita Nichele (Vajrayana-tibetana) e Aldo Marzano (Vajrayana-tibetana).
All’Assemblea che si è tenuta a Firenze il 13 aprile 2019 presso il Centro Terra di Unificazione Ewam hanno preso parte tutti i centri dell’U.B.I.
L’Assemblea ha inoltre voluto ringraziare Giorgio Raspa per tutto il lavoro svolto in questi anni e ha ricordato con affetto Vincenzo Piga, fondatore dell’Unione Buddhista Italiana nel 1985.
Il neoeletto Consiglio Direttivo si ispirerà alle linee guida condivise da tutti i centri associati all’U.B.I. durante il Congresso di Salsomaggiore Terme che si è svolto dal 15 al 17 marzo 2019.@

cd ubi 2019-21.jpg

Il video integrale della manifestazione "EcologicaMente" a Merano.

Tavola rotonda di Merano – 6 giugno 2019 - EcologicaMente Cambiare la mente, per rispondere alle urgenze del pianeta