Italia  Buddhista  è  un  luogo  di  dialogo  tra  i  religiosi  buddhisti  e  il  pubblico,  che  si sviluppa  per  via  telematica  e attraverso  incontri  appositamente organizzati. 

Pratiche energetiche

 Gentili e preziosi Maestri e monaci, vorrei porvi un quesito a riguardo di un argomento di cui non ho mai personalmente sentito un discorso specifico e dedicato. Sono un piccolo praticante del Buddhadharma, le istruzioni e le lezioni che ricevo arrivano prevalentemente dal buddismo Mahayana Vajaraiana, dal buddismo Theravada e anche tramite l'hatha yoga. Nella mia pratica di sviluppo di consapevolezza e saggezza ho ottenuto comprensioni e avuto esperienze dirette che mi hanno permesso di eliminare con chiarezza dei grandi impedimenti che prima non riconoscevo come tali e che anzi pensavo non fossero erronei. Non ho quindi nessun dubbio riguardo al percorso che lentamente, da laico, sto portando avanti anche se con qualche caduta. Ed è appunto riguardo a uno specifico tipo di caduta che vi chiederei qualche consiglio, un aiuto. Vorrei sapere se esiste una qualche tecnica specifica per lasciare andare o trasformare l'energia che può sorgere dal desiderio sessuale quando, come nel mio caso specifico, non ho un partner e trovo che la mia vita da single sia proprio ideale per lo sviluppo e la pratica del dharma. Questo è per me un tipo di impedimento che sono già riuscito a ridurre, talvolta anche per periodi lunghi ma capita che in momenti di distrazione possa crearmi ancora ostacolo alla corretta pratica. Probabilmente conosco anche la risposta e mi aspetto che sia "sviluppare maggiore consapevolezza" ma se voi potete indicarmi qualcosa di più diretto e specifico, ve ne sarei davvero molto grato.
Grazie a voi tutti, Maestri e monaci; che voi tutti possiate stare stabilmente nella mente pura per il benefico vostro e di tutti.

Vita da volontario in un centro buddista -

ACCETTAZIONE