Italia  Buddhista  è  un  luogo  di  dialogo  tra  i  religiosi  buddhisti  e  il  pubblico,  che  si sviluppa  per  via  telematica  e attraverso  incontri  appositamente organizzati. 

Ordinazione monastica femminile

L'ordine monastico femminile esiste ed e' fiorente in Cina, Taiwan, Corea, Vietnam ed in tutti quei paesi in cui ci sono monache appartenenti alla cosiddetta tradizione settentrionale. E' stato ristabilito in Sri Lanka alla fine del secolo scorso. Nel Buddhismo Tibetano ci sono molte resistenze contro la fondazione dell'ordine delle bhiksuhni, tuttavia l'anno scorso SS il XVII Gyalwang Karmapa ha sbaragliato ogni dubbio ordinando il primo gruppo di novizie che a tempo debito otterranno l'ordinazione completa con l'aiuto delle monache del monastero Nan Lin di Taiwan in cui ho avuto l'onore di studiare. 

Le situazioni piu' critiche sono in Tailandia e Birmania. In questi paesi non e' possibile ottenere l'ordinazione femminile, percio' coloro che la desiderano devono andare all'estero (di solito in Sri Lanka) e non vengono solitamente accettate. Tuttavia la situazione e' tollerata. In Birmania viene invece applicata la legge secondo cui una donna che si veste come un monaco (pur avendoni tutti i diritti) rischia il carcere, quindi in Birmania, per quanto ne so, non esistono bhikshuni.

I maggiori problemi riguardano quindi il Buddhismo cosiddetto meridionale, mentre nel Buddhismo settentrionale essere una bhikshuni e' normale.

Le bhikshuni hanno piu' precetti rispetto ai bhiksu, per ragioni sia storiche che pratiche. Secondo il Dharmaguptaka Vinaya i bhikshu hano 250 precetti, mentre le bhikshuni ne hanno 348. 

(Bhikshuni Ruxiong)

Diventare monaco: la prassi nel buddhismo vajrayana