Italia  Buddhista  è  un  luogo  di  dialogo  tra  i  religiosi  buddhisti  e  il  pubblico,  che  si sviluppa  per  via  telematica  e attraverso  incontri  appositamente organizzati. 

Buonasera monaci, potreste spiegare che cos è il karma e che influenza ha nella nostra vita? Grazie

Il karma è il nostro modo di essere in azione. Ha a che fare con il passato, e si riverbera nel presente, dove lo possiamo influenzare attivamente, grazie alla volizione, all'intenzione, affinchè le sue ripercussioni sul nostro futuro vadano nella direzione in cui decidiamo che debbano andare. Non sempre siamo consapevoli che tutto ciò che ci riguarda è inserito in una rete di cause e condizioni di cui spesso, a dire il vero, non siamo gli artefici al 100%. Possiamo considerare che abbiamo molti condizionamenti, memorie che si depositano e stratificano in recessi profondi della coscienza e che, se non siamo pienamente consapevoli, creano processi di reazioni automatiche spesso scambiate per qualcosa di simile ad una identità personale di fatto illusoria. Queste reazioni a fatti, cose e persone che ci gravitano attorno sono il nostro personale Karma. Se agiamo bene sarà un karma positivo, negativo in caso contrario, neutro se non prendiamo posizione.

Esistono anche karma collettivi, nazionali, planetari, sociali ecc.. ma questi casi sono più sfuggenti ad un'analisi fatta dai singoli individui, specie se questi ultimi fanno già fatica a riconoscere il proprio e soprattutto ad intervenire consapevolmente per modificarne la direzione in senso positivo sia per la propria vita che per la vita della collettività, intesa in senso cosmico.

(Kusalananda)

--------------------------------------------------------------------

Secondo il buddhismo, la nostra persona è composto da un corpo fatto di materia grossolana, dominato dai sensi e da una mente ordinaria condizionata dai fenomeni.

A questo corpo è abbinata una mente sottilissima detta continuum mentale o coscienza che registra le esperienze di ciascuno: le esperienze registrate nel continuum mentale sono definite impronte karmiche e nascono da tendenze che portano l'individuo a compiere azioni.

Le azioni possono essere pensieri, parole o gesti che sorgono da comportamenti frutto di passioni,errate interpretazioni, attrazioni o avversioni in seguito ai quali ogni essere senziente prova emozioni perturbanti che lo travagliano. Tale travaglio è chiamato esistenza Samsarica ed è caratterizzato dalla sofferenza e dalla frustrazione.

L'esistenza Samsarica ha come forza motrice il Karma.

Karma significa "azione" e la Legge del Karma dice che ogni azione produce presto o tardi una conseguenza dello stesso tipo: dunque se si compiono azioni positive si incontreranno conseguenze positive e se si compiono azioni negative si incontreranno conseguenze negative.

Risulta pertanto chiaro che influenza possa avere il Karma nella nostra vita.

Il Karma è caratterizzato dall'intenzione, infatti le cosiddette tendenze karmiche si riferiscono alla ripetizione intenzionale di uno stesso tipo di comportamento.

Perché un Karma diventi operante ci vogliono quattro fattori: il progetto, l'intenzione, l'azione corrispondente, il compimento dell'azione.

Se tutte queste condizioni si manifestano il seme karmico è impiantato nel continuum mentale e immancabilmente darà un frutto o risultato, ovvero una conseguenza che dovremo prima puoi incontrare.

Le tendenze karmiche sono flussi di energia che indirizzano la nostra mente verso il compimento di azioni.

Anche la morte, lo stato intermedio o Bardo e la rinascita sono specifiche manifestazioni dell'energia karmica.

Con la morte avviene la dissoluzione delle energie corporee grossolane.

Nel Bardo o stato intermedio l'energia sottilissima del continuum mentale lascia il corpo e si orienta verso una nuova direzione.

La rinascita è l'ingresso in una nuova dimensione esistenziale del continuum mentale, spinto dalla forza del karma.

Lama Paljin

Vorrei sapere quali sono le differenze principali fra le varie tradizioni buddhiste.

Come avere un karma positivo